History of Tattoo


Preistoria                                                                                                                  5300 anni fa

tattoo_otzi

Mummia Otzei

Conosciuto come Uomo Venuto dal Ghiaccio, Otzi è un importante reperto antropologico scoperto nel 1991 sulle alpi al confine tra Italia ed Austria, un reperto la cui età si aggira all’incirca sui 5300 anni risale all’Età del Rame.

Il corpo di Otzi, perfettamente conservato dal ghiaccio, ha permesso agli studiosi di ottenere importantissime informazioni riguardo a quella che doveva essere la vita di un uomo preistorico con ben 57 tatuaggi.

E’ naturale che questo abbia reso Otzi la mummia più conosciuta dai tatuatori di tutto il mondo.

Questi tatuaggi, come si è scoperto, non avevano una valenza estetica (si tratta di punti, linee, croci), ma erano uno strumento terapeutico per lenire i dolori causati dall’artrite di cui Otzi soffriva, nonostante la morte sia arrivata a causa di una colluttazione.

I tatuaggi in questione erano eseguiti praticando delle piccole incisioni sulla pelle
ricoperte poi con carbone vegetale cui fissava il disegno.

 


 

Antica Roma                                                                                                              2300 anni fa

Senatus Populusque Romanus

Senatus Populusque Romanus

Nell’antica Roma i tatuaggi venivano praticati dai soldati romani influenzati dalle usanze barbare. Lo scopo di questi era di riconoscere gli alleati o nemici in battaglia e indicare in sintesi l’appartenenza  ha una determinata legione. I legionari usavano tatuarsi per dimostrare anche la loro fedeltà, devozione, come dimostra il tatto più diffuso i quel periodo: SPQR

Alcune fonti raccontano che prima di appartenere ai soldati venivano fatti agli schiavi, gladiatori e criminali.

 

 


 

Dopo la caduta dell’impero romano                                                                               IX secolo

Madonna di Loreto

Il tatuaggio venne di fatto definitivamente proibito da Papa Adriano I nel 787 durante il Concilio di Nicea e tale veto venne ribadito da successive bolle papali, tanto che questa pratica scompare in ogni cronaca del tempo.

Nonostante il divieto ufficiale, l’abitudine a segnare indelebilmente il corpo sopravvisse, spesso in clandestinità, soprattutto nelle classi meno abbienti, fra i soldati e in alcuni luoghi di culto cristiani come il Santuario di Loreto. Qui, fino alla metà degli anni Cinquanta, esistevano i frati marcatori, ovvero frati che incidevano piccoli segni devozionali fra i pellegrini.

I segni tatuati nel Santuario di Loreto venivano effettuati sui polsi o sulle mani ed erano simboli cristiani o soggetti “amorosi”: i primi, inizialmente molto semplici come una croce o come la rappresentazione delle stigmate, si fecero via via sempre più complessi come la stilizzazione della stessa Madonna di Loreto, simboli del proprio ordine religioso.

 

Tatuaggi amorosi

 

 

 

 

I tatuaggi a carattere “amoroso” erano invece effettuati dalle spose come promessa a Dio e augurio e contemplavano soggetti come due cuori trafitti, frasi o il simbolo dello Spirito Santo. Anche le vedove si tatuavano, in ricordo del defunto, soggetti come il teschio con le tibie incrociate, il nome del morto o la frase “memento mori”.

 

 

 


 

Crociati                                                                                                                          XII secolo

Nell’undicesimo e dodicesimo secolo i crociati portavanoCrociato sul corpo il marchio della Croce di Gerusalemme, questo permetteva, in caso di morte sul campo di battaglia, di fare in modo che il soldato ricevesse l’appropriata sepoltura secondo i riti cristiani.

 

 

 


 

Tatuaggi nei carceri                                                                                                     XIX secolo

Il tatuaggio riemerge dall’ombra nella seconda metà del XIXcriminali tatuati secolo, con la pubblicazione, nel 1876, del saggio “L’uomo delinquente” di Cesare Lombroso. Egli mette in stretta correlazione il tatuaggio e la degenerazione morale innata del delinquente: il segno tatuato è fra quelle anomalie anatomiche in grado di far riconoscere il tipo antropologico del delinquente. Il delinquente nato mostra specifiche caratteristiche antropologiche che lo avvicinano agli animali e agli uomini primitivi e l’atto di tatuarsi di criminali recidivi è sintomo di una regressione allo stato primitivo e selvatico. L’uomo delinquente però è anche un catalogo approfondito di tutte le tipologie di tatuaggio che potevano essere reperite
all’epoca: il saggio è ricco di descrizioni di tatuaggi e delle
storie degli uomini che li portano, soldati ma soprattutto
detenuti, criminali e disertori, fornendo così un ampio squarcio
sulle usanze del tempo.

Lombroso cataloga i tatuaggi in segno d’amore (iniziali,Tatuaggi dei criminali cuori, versi); simboli di guerra (date, armi, stemmi); segni legati al mestiere (strumenti di lavoro, strumenti musicali) animali (serpenti, cavalli, uccelli); tatuaggi di soggetto religioso (croci, Cristi, Madonne, Santi). In seguito alla diffusione delle teorie di Cesare Lombroso, il tatuaggio subisce un’ulteriore censura ed è per questo che, contrariamente ad altri paesi occidentali, non nascono studi e botteghe professionali fino alla fine degli anni ’70.

 

 


 

Le SS                                                                                                                                Anni ’40

SS

Tatuaggio del gruppo sanguigno

Una caratteristica fondamentale delle SS era il tatuaggio obbligatorio nella parte interna del braccio sinistro che riportava il gruppo sanguigno e il numero di matricola della SS. Il tatuaggio aveva scopi essenzialmente pratici: permetteva di agevolare e rendere più rapido il compito dei medici quando era necessario soccorrere una SS e al tempo stesso era utile per il riconoscimento dei cadaveri.

È proprio sulla base del tatuaggio che gli Alleati selezionarono, una volta caduto il Terzo Reich, chi continuare a tener prigioniero e chi rilasciare. Un caso esemplare in tal senso fu quello di Josef Mengele, medico delle SS, che stranamente privo di tatuaggio non fu arrestato ma rilasciato.

 

 


 

Beat Generation                                                                                                                Anni ’60

April 1960

Tatuaggio degli anni ’60

Dalla fine degli anni sessanta e inizio anni settanta in poi la cultura del tatuaggio ha conosciuto una progressiva diffusione, prima nelle sottoculture giovani hippy e fra i motociclisti e poi ha conquistato lentamente ogni strato sociale e ogni fascia d’età.

 

 

 

 

 

 

 


 

Oggi                                                                                                                                      2015

Annunci