Quarantenni, i più tatuati in Italia

13 italiani su 100 sono tatuati.

Sono alcuni dati emersi da un’indagine realizzata dall’ISS (Istituto Superiore di Sanità), in collaborazione con l’IPR marketing, su un campione rappresentativo di quasi 8.000 cittadini. La fascia di età più tatuata va dai 35-44 anni, il 29,9% della popolazione. Tuttavia, il primo tattoo in media viene fatto a 25 anni. Tra i minorenni la percentuale è del 7,7%.

quarantenne tatuata

Attenzione, il 92.2% della popolazione è soddisfatta del proprio tatuaggio. Esiste, però, un’elevata percentuale di pentiti (ben il 17,2%) che vorrebbero rimuovere il proprio tatuaggio e di questi il 4,3% l’ha già fatto. Le donne battono gli uomini a colpi d’ago d’inchiostro, sono il 13,8% le lady tatuate rispetto 11,7% degli uomini. Questi ultimi preferiscono tatuarsi le braccia, le spalle e le gambe, mentre le donne optano per la schiena, i piedi e le caviglie. Un tatuato su quattro (25,1%) risiede al Nord, il 30,7% ha una laurea e il 63,1% lavora. Il 76.1% si è rivolto a un centro specializzato di tatuaggi e il 9,1% a uno estetico. Ma ben il 13,4% lo ha fatto al di fuori dei centri autorizzati.

Annunci